Confronto tra i candidati sindaco in Piazza degli Alpini

 
5 Kudos
Don't
move!

Si è svolto, questa sera, in piazza una piazza degli Alpini gremitissima, tra alcune centinaia di persone, il confronto tra i candidati alla poltrona di sindaco di Pescantina. Confronto che ha visto il coinvolgimento di tutti i candidati tranne Davide Quarella nuovamente assente per impegni pregressi presso la frazione di Santa Lucia.

Il confronto è stato moderato dal giornalista Lucio Salgaro di TeleArena su cui verranno trasmesse anche le immagini della serata. Molti i momenti di dibattito profondo ed acceso che ha visto tra le grida, gli applausi e le diatribe, una fortissima presenza attiva del pubblico.

Si è partiti con una presentazione dei candidati:

Boscaini: 54 anni, consulente aziendale, prima esperienza politica, mi sono riconosciuto nelle posizione ecologiche del movimento 5 stelle, ho avuto una pregressa esperienza di allenatore di calcio. Sono stato presiedente del Movimento Ambiente e vita ed ho avuto parecchie esperienze associazionistiche nel passato.
Cadura: attuale sindaco, 59 anni, sposato con 2 figli, mi candido nuovamente per completare quanto di buono è stato fatto, e per far diventare Pescantina un posto bello da vivere.
Reggiani: due volte sindaco, presidente della pro loco, credo che Pescantina abbia uno dei più bei centri storici del territorio e potenzialità straordinarie, sotto il profilo turistico e culturale.

Prima domanda:

Salgaro: Tema discarica una bomba ecologica, vogliamo conoscere i progetti ed i finanziamenti.

Cadura: grazie a quanto fatto dall’amministrazione comunale, il problema discarica è stato disinnescato, la soluzione sarà 8 anni bonifica, più 30 anni post bonifica, senza conferimento di rifiuti, i soldi verranno messi a disposizione dal ministero dell’ambiente. Inoltre ci siamo battuti per evitare l’ampliamento delle cave e delle dighe sui ponti. Abbiamo innalzato la quota di differenziata dal 74 al 81%. Vorremmo portare il porta a porta per il vetro e migliorare decoro urbano.

Reggiani: sull’argomento discarica sono stato demolito in passato e apprezzo il lavoro fatto dall’amministrazione. L’ambiente non è solo discarica, la nostra idea è riammettere la figura del vigile ecologico.
Troviamo migliorabile la vicenda dei sacchetti chippati, non è stata gestita in maniera adeguata. Il territorio va ben tenuto ed il vigile ambientale sarà propedeutico per sanzionare dove serve.

Boscaini: sul tema della discarica è arrivata oggi notizia da ministro costa che arriveranno i 65 milioni, sventato attacco ai ponti diga anche grazie al 5 stelle, che hanno presentato alcune osservazioni.
E’ assolutamente necessario ripulire l’alzaia, adeguare le telecamere ma fare soprattutto fare educazione nelle scuole. Un paese pulito è funzionale al turismo.

Salgaro: tema del sociale? quali politiche ed investimenti?

Reggiani: l’ambito del sociale, è un’occhio di riguardo a Pescantina, per il sociale, abbiamo strutture adatte a dare assistenza agli anziani e
all’infanzia. E’ necessario tutelare le scuole. Riportare in paese il servizio di prelievo del sangue che una volta c’era. Siamo contrari all’assistenzialismo gratuito, dare una mano a chi ne ha bisogno ma va represso chi se ne approfitta.

Boscaini: nell’associazionismo che avevo avevamo istituito la badante di condominio, direi di girare questa idea in paese per fare una “badante di prossimità” persona censita dal comune in modo da evitare persone in nero. Manca un centro di aggregazione a Bussolengo è presente una splendida biblioteca, qui ai giovani ci si pensa poco.

Cadura: Pescantina è stata colpita da un calo da 250 nati all’anno a 150 nati, questo spinge a fare ragionamenti sulle dimensioni delle scuole in maniera da mettere in sicurezza le strutture esistenti. Riteniamo che gli adolescenti siano la fascia scoperta in quanto i genitori lavorano fuori paese ed i ragazzi sono abbandonati a se stessi. Serve un polo aggregativo per accogliere i giovani, anche per le frazioni. per gli anziani invece, ci viene in contro l’ulss per fare assistenza. Molto, invece, deve essere fatto per i poveri.

Salgaro: Sul tema dell’urbanistica?

Cadura: in 5 anni abbiamo messo le basi per lo sviluppo di Pescantina, è stato fatto il piano mobilità, un piano per le barriere architettoniche e piano urbano. evitare urbanizzazione è il nostro must, il nostro piano prevede il 12% di utilizzo del territorio contro il 30 previsto. Vogliamo aumentare le piste ciclabili. Il territorio ha una forte vocazione turistica, la valpolicella può diventare una realtà turistica vera e propria.

Reggiani: noi abbiamo lasciato un PAT definito, che prevedeva uno sviluppo del territorio per non cementificare. Per il turismo noi abbiamo lottato fortemente perchè ciò avvenisse. Il bellissimo paese di Pescantina necessità di uno sviluppo per far conoscere il paese, ora non siamo in grado di intercettare l’afflusso di turisti che vira verso il lago.

Boscaini:ci deve essere un riordino urbanistico, purtroppo in passato lo sviluppo urbanistico è stato in passato pazzesco, il riordino va fatto con scelte coraggiose. Non ha nessun senso che una persona che arriva da Bussolengo passi in piazza per andare in statale, nelle nostre intenzioni la piazza deve diventare un pregio con l’attenzione ai pedoni.
Anche per le frazioni, va riordinata la viabilità per un piano di almeno 20 anni.

Salgaro: passiamo in rassegna le frazioni:

Boscaini: Balconi ed Ospedaletto, frazioni attraversate dalla statale. Ospedaletto manca di attraversamenti pedonali, nelle pieghe del bilancio vanno trovati i fondi per tali opere immediatamente. Arcè una grossa criticità è il ponte che è stretto.
Santa Lucia il parco termale condiziona la vita dell frazione, sarebbe necessario fare della mobilità pubblica tra le frazioni.

Cadura: Settimo: è stato scongiurata la diga, ma il ponte va rifatto immediatamente, altro tema completare il collegamento ciclabile con Pescantina. Balconi: la cosa più rilevante nuova chiesa, realizzare un centro aggregativo accanto alla nuova chiesa con spazio per i pedoni.
Ospedaletto: manca tutto, manca centro aggregativo, problema degli attraversamenti sulla statale. Santa Lucia, ha il suo futuro nel legame più stretto con il parco termale.
Arcè: stupendo, gli manca poco per essere riconosciuto come borgo storico.

Reggiani: opere pubbliche: nel 2013 abbiamo lasciato progetti approvati per alcune tematiche, ad esempio area ex danese, centro storico di Pescantina, centro parrocchiale di Settimo.
A Santa Lucia le terme danno una mano al turismo,  ma a Pescantina è necessario limitare il traffico.

Salgaro: rapporti tra amministrazione e cittadini?

Cadura: i mutui sono stati restituiti sui progetti in quanto Pescantina non si poteva permettere gli investimenti. Per L’area ex danese va trovata una soluzione sui 60 appartamenti, con una transazione.
Spostare il traffico da via ponte significa sovraccaricare altre aree, andare a spostare il traffico va fatto con cautela, abbiamo fatto un piano ad hoc con dei professionisti.

Reggiani: 6 milioni di euro di mutui, ci sono stati dati dalla cassa depositi e prestiti, è stata l’ultima occasione per portare a casa opere pubbliche.

Boscaini: 15000 euro persi per wi-fi, 15000 per video sorveglianza, persi 350.000 per velodromo. Noi istituiremo una figura in comune per ricevere i fondi europei e nazionali. I soldi arrivano quando si hanno progetti, se non si hanno progetti non arrivano i fondi.

Reggiani: vanno ripristinati gli osservatori di frazione divisi per ambiente, opere pubbliche, anziani ecc, liberi da idee politiche ma fatti da cittadini.

Boscaini: il movimento è per la democrazia diretta, come ha detto Reggiani il movimento adotta gli osservatori civici. a Pescantina andrà fatto un osservatorio per il controllo  dei lavori sulla discarica. Le associazioni sono un tesoro di cui va tenuto conto, le segnalazioni dei cittadini sono importanti.

Cadura: in 5 anni abbiamo sempre ascoltato i cittadini. Per il futuro va migliorato il rapporto tra amministrazione ed associazioni. Va fatto un osservatorio con la discarica costituito anche da tecnici. Andranno istituiti anche osservatori sulle frazioni.

Salgaro: idea innovativa per il paese?

Cadura: Pescantina deve diventare la città del benessere, terme, città curata e paese più bello. Va fatta una manutenzione intensa del patrimonio.

Reggiani: concordo con Cadura, dal canto mio voglio riportare Pescantina ad essere grande, attraverso opere pubbliche e manifestazioni.

Boscaini: sono un pescantinese da sempre è un paese bellissimo, tutti concordi sullo sviluppo turistico. Voglio rubare un’idea al sindaco di Porto Torres dove hanno istituito il credito energetico, hanno installato pannelli foto gratuitamente alle famiglie bisognose, il surplus energetico è venduto in rete e servirà a fare nuovi pannelli, instaurando un circolo virtuoso e green.

Salgaro: infine un appello agli elettori:

Reggiani: ringrazio tutti per la presenza, bella dimostrazione di democrazia, inizio di un confronto intelligente. Gli obiettivi spesso saranno simili a livello comunale, ci sarà, di fatto, incontro scontro tra i gruppi consiliari. Nel mio gruppo tante donne e tanti giovani per dare un nuovo slancio al paese.

Boscaini: partiamo non avendo mai governato il paese. Siamo un gruppo molto bello, formato da 7 uomini e 7 donne. abbiamo tante idee, volgiamo programmare il futuro per i prossimo 20 anni. Una cosa che non si dice è che per i primi 2 anni e mezzo noi dovremo lavorare su cose scelte da chi governava prima.

Cadura: con Reggini abbiamo opinioni differenti, però questa sera bisogna dargli ragione, è bello che vi sia stata tutta questa partecipazione. Pescantina è un grande paese merita sviluppo facendo rete con i paesi attorno.
Abbiamo squadra con persone preparate. abbiamo la volontà per metterci al servizio della cittadinanza. Io voglio fare politica per dare al qualcosa al paese e non per ricevere.

photo_2019-05-23_22-26-49

 

Print Friendly

Comments are closed.